Notizia del 01/05/2018

Annunciato il rilascio di Fedora 28

Nel corso della giornata che si sta avviando verso la conclusione, è stato reso disponibile il rilascio finale di Fedora 28.
Di seguito si propone un adattamento italiano di un recente articolo di Matthew Miller, esaminando alcune delle principali novità, che accompagnano questa nuova versione.

 

 

INTRODUZIONE

Ciao a tutti! È maggio e siamo attorno alla "festa della mamma", ricorrenza celebrata in svariate nazioni. Questo sta a significare che è tempo di un nuovo rilascio di Fedora: l’edizione 28 è qui tra di noi!

I link sono i seguenti, mentre maggiori dettagli sono disponibili più sotto:

Per gli utenti che già utilizzano Fedora, è possibile effettuare un upgrade dalla riga di comando o graficamente con GNOME Software. Sono stati compiuti numerosi sforzi per rendere il processo semplice e veloce. Nella maggioranza dei casi, esso richiederà circa una mezz’oretta, restituendo all’utente un sistema funzionante, senza grattacapi (personalmente, ieri notte ho lanciato i comandi dalla mia postazione primaria, subito prima di andare a dormire. Al mio risveglio, ho infine ritrovato un sistema perfettamente funzionante).

 

LE NOVITÀ DI FEDORA 28

La novità più eclatante di Fedora 28 Server è l’avvenuta inclusione del nuovo repository Modular. Questo offre all’utente la possibilità di scegliere versioni differenti di software come NodeJS o Django. Si ha ora quindi la facoltà di personalizzare la dotazione utilizzata dal proprio software. Esiste della documentazione dedicata all’argomento, per chi fosse interessato. Inoltre, l’architettura 64-bit ARM (Aarch64) è ora architettura primaria per Fedora Server.

Anche Fedora 28 Workstation ha numerose novità. Per la prima volta, si facilita l’attivazione di alcune sorgenti software di terze parti, come quelle relative ai driver proprietari Nvidia. Abbiamo lavorato a lungo per ideare il modo giusto per permettere ciò, senza compromettere i nostri ideali. Personalmente, penso che l’approccio corrente abbia raggiunto questo obiettivo. Il Fedora Magazine contiene articoli a riguardo di repository di terze parti e novità di F28 Workstation.

Fedora Atomic Host aggiunge una delle caratteristiche a cui ambivo, nella mia precedente vita da sysadmin: aggiornamenti automatici. L’opzione è disattivata di default – si vedano il campo AutomaticUpdatePolicy per rpm-ostree e questo post per maggiori informazioni -. Fedora Atomic Host include Kubernetes 1.9 e lo strumento podman.

Come sempre, sono presenti grandi novità, racchiuse all’interno di tutta la distribuzione. È possibile saperne di più, consultando le note di rilascio.

 

EDIZIONI DI FEDORA

Fedora Workstation è costruita su GNOME (ora giunto alla versione 3.28). Gli utenti interessati ad altri ambienti desktop popolari come KDE, Xfce e Cinnamon, possono consultare la pagina relativa alle Fedora Spins. Per versioni adattate ad usi specifici - come astronomia, design, sicurezza informatica, robotica, insegnamento di Python – occorre consultare la home page dei Fedora Labs. Esiste inoltre Fedora Cloud Base, dedicata a chi ha bisogno di un ambiente da strutturare con tecnologie cloud come, ad esempio, EC2 e OpenStack. Abbiamo poi network installers, architetture alternative (come Power e 64-bit ARM), link Torrent e diversi altri download differenti. Non dimentichiamoci poi della pagina Fedora ARM, per chi ha l’intenzione di installare Fedora su una scheda Raspberry Pi o altri dispositivi di tipo ARM.

Fedora è attiva su molti fronti, perché siamo un progetto con un gran numero di persone con diversi interessi. Se l’utente non trova ciò a cui aspira, può partecipare al Fedora Project e lavorare assieme a noi per creare ciò che desidera. La nostra missione è quella di costruire una piattaforma che dia la possibilità ai contributori e agli altri sviluppatori, di risolvere tutti i tipi di problemi d’utilizzo, rimanendo sempre legati ai nostri principi di “Freedom (libertà), Friendship (amicizia), Features (caratteristiche, contenuti), e First (avanguardia)”.

 

RINGRAZIAMENTI

Ancora una volta, questo rilascio si presenta come il migliore in assoluto. Non è una vera sorpresa, perché è il risultato di dedizione, impegno e molte ore di lavoro duro da parte di migliaia di persone. Ringrazio veramente tanto questa meravigliosa comunità, per aver reso possibile l’uscita di questa nuova versione.

Oh… Un’ultima cosa… Siamo umani: perfino il prodotto migliore, non può essere perfetto. Ci sono sempre casi particolari e problematiche dell’ultima ora. L’utenza che riscontra qualcosa di strano, può consultare la lista dei Bugs comuni per F28. Invito, chi trova un problema, ad aiutarci a migliorare le cose.

Godiamoci Fedora 28!

Scarica Fedora

f28 logo

Puoi scaricare Fedora gratuitamente premendo su:

Scarica Fedora 28